1° CORSA:

Facciamo un’ipotesi di schema con Cartesio Op, in crescita di condizione  che va davanti e lascia sfilare Caseri, la cui forma è certificata da un recente successo, al proprio personale sulla distanza.  Quindi, Caseri è il nostro favorito sull’allievo di Esposito che ne sfrutterebbe la scia. Costumenazional ci sta benissimo in un contesto del genere ma preferisce tracciati e svolgimenti più selettivi, stesso discorso vale per Csi Lj che a Roma, agendo sui primi, si è espresso a livelli apprezzabili, mentre adesso dovrà fare molti passaggi. Ben posizionati, Cosmo Lux, meglio senza anteriori e Clitumno Sl possono intervenire.

  

2° CORSA: 

Don Gio Nobel ha vinto in maniera perentoria a Taranto e pur essendo un soggetto ancora verde, non si discute neanche un po’. Molto più complicato è trovare delle alternative valide, noi abbiamo pensato a Dania Leone Sm che, dopo due prove affrontate dalla retroguardia, può sfruttare un numero favorevole. Poi Daiacco Aby che sembra, al momento, soprattutto un cavallo bravo, stesso discorso vale per Dante Lz che toglierà i ferri. Giorginho preferisce Danubio Fg a Demis Rab ma il secondo sembra più pronto, anche Don Henry e Dolceluna che stanno crescendo.

 

3° CORSA:

Cioss You Sm si trova chiaramente a suo agio nella compagnia, deve però dimostrare di adattarsi al tracciato, l’unica volta ci ha corso, pur sbagliando, non ha demeritato. Caffè Grieco Iz, vista la posizione iniziale, sarebbe temibile ma, nella sola occasione in cui è stato impiegato sulla pista da ottocento metri, non ha fatto le curve già nei preliminari. Anche Claire de Lune ha faticato sulle piegate la scorsa settimana, potenzialmente vale un ruolo da protagonista. Cuore Mio Fks ha deluso a Foggia ma da dietro rende di più, Carbonio sarebbe arrivato secondo a Foggia, Carbone può migliorare rispetto al rientro.

 

4° CORSA:

Questa non è semplice da decifrare: probabilmente, ci ritroveremo Boreas Amnis agire al comando, in un contesto più morbido rispetto a quello ultimo, e Berlino As seguirlo sul percorso. Il primo potrebbe tenere la distanza ma non è detto, quello di Farina viene da un periodo piuttosto negativo, però è ipotizzabile che il mese e mezzo di riposo lo abbia rinfrancato. Alcuni di questi corrono pure venerdì a Napoli, Big John Lf può vincere se trova svolgimento ad hoc, Barolo Grif, Abel del Ronco e Ariel Cup valgono un piazzamento. Angelica sembra cavalla da professionista.

 

5° CORSA:

Gran bella corsa: Benedetta Effesse deve scegliere se esprimersi al comando oppure dare strada ad Artico Jet. Dovessero evitare lotte premature sarebbe difficile per quelli della seconda fila risalire, pur trattandosi di cavalli potenzialmente validissimi. In caso contrario cambierebbero le carte in tavola, troverebbero un compito agevolato Bonetto Star, anche se deve pure venir fuori dalla scia della lenta Amazing Lux, Annibal Erre che è in splendida condizione e Brillantissime, molto forte ma passista fatto e finito.

 

6° CORSA:

Qua i valori non sono ben definiti: andiamo con Zeria di Casei, un possibile favorito da 3/1, in quanto si tratta di un cavallo che va forte ma sicuramente più adatto a pista grande e doppio km. Zecchinodoro Fks convince solo a metà: poche volte è sorretto dalla meccanica, in qualche circostanza riesce a rimediare, in altre no. E’ tornata a correre bene Bankoc Dann, Utile Op sta acquisendo un po’ di continuità ma il numero può creargli difficoltà se non si ritrae immediatamente. Bloody Mary Bar e Zorro Ido sono idee per le piazze, Tony Pride e Backy Falu devono crescere per poter figurare.

 

7° CORSA:

Prova che appare molto aperta, anche se un gruppetto di sei concorrenti sembra emergere: Smorghy e Bar parte sollecito e ritrova guida gradita, se la gioca, soprattutto, contro i compagni di allenamento Roger degli Ulivi e Better As.  L’undicenne da Brads Photo è tornato a brillare a Roma, in compagnia qualificata, mentre la più giovane è in forma e svelta a mettersi in azione, anche se il numero non è dei migliori. Attenzione a Tango Bar, se ha la fortuna di liberarsi da dietro se la gioca per vincere. Adone d’Alvio sta correndo in maniera apprezzabile, Bogota Tor non corre da cento giorni ma se fosse quello dello scorso anno li ribalterebbe.

    

  

Fonte: Trotto & Turf 

Firma: Emilio Migliaccio 

 

 

Copyright © 2019 Ippodromo Cirigliano | S.A.I.T.A. Srl | 081.5037704 | Viale Olimpico 39 - Aversa | P. IVA: 01011110614 | Ric. MIPAAF